5 regole igieniche che tutti i Make Up Artist dovrebbero seguire

brush cleanser, igiene, monouso, pennelli make up -

5 regole igieniche che tutti i Make Up Artist dovrebbero seguire

Per cominciare, due parole sulla conservazione dei prodotti

Prima di parlare degli accorgimenti ulteriori che ogni Make Up Artist dovrebbe adottare, bisogna chiarire qualche regola base, oltre alla corretta conservazione dei prodotti utilizzati durante il Make Up Service:

 

  • Nessun prodotto deve mai essere applicato direttamente sulle clienti;
  • É fondamentale rispettare il PAO (Period After Opening) e la eventuale data di scadenza indicata sui singoli prodotti;
  • Bisogna conservare i prodotti adeguatamente sigillati, lontani da polvere, sbalzi termici, umidità e fonti di luce, freddo o calore;
  • Depottare è fattibile solo se non si aggiungono componenti estranei alla formula del prodotto e solo se il travaso avviene in un packaging che sia in grado di preservarne l'assoluta integrità (quindi senza l'aggiunta di alcohol e senza modificare gli stati e la formula di prodotto);
  • Fare periodicamente un controllo di integrità dei prodotti, anche prima delle scadenze suggerite, per verificarne l'integrità: in nessun prodotto si deve verificare mai la separazione dei componenti nella formula o la formazione di patine superficiali. 

 

Detto questo, passiamo ad altri accorgimenti fondamentali per svolgere questo mestiere in totale sicurezza.

 

1. Utilizzare sempre il Brush Cleanser

 

L'utilizzo di un Brush Cleanser è fondamentale nella Professione del M.U.A.

Questo prodotto deve necessariamente avere due caratteristiche ben precise, ovvero: essere sia solvente che disinfettante.

 

I Brush Cleanser professionali, oltre a detergere i pennelli in profondità, svolgono anche un'azione disinfettante, proteggendo di conseguenza le clienti da eventuali infezioni batteriche come congiuntivite, orzaiolo ed herpes labiale.

 

Per utilizzarlo in modo efficiente, di seguito vi descriviamo il suo corretto utilizzo:

 

  • Detersione e igienizzazione dei pennelli destinati all'applicazione di prodotti liquidi e grassi (matite, correttori, fondotinta, rossetti, gloss, ombretti in crema, ecc.):
    Versare la quantità necessaria di prodotto in un bicchierino in vetro e immergere il pennello premendo sul fondo, fino ad eliminare completamente ogni traccia di prodotto. Successivamente strofinare il pennello fino ad asciugatura su carta assorbente, possibilmente alveolata, di modo che la texture della carta possa trattenere l'eccesso di prodotto.
    Se non si è dotati di bicchierino, è possibile spruzzare direttamente il cleanser sul pennello, avendo cura di ripetere l'operazione fino a che il pennello stesso non lascerà più tracce di prodotto sulla carta.
  • Detersione e igienizzazione dei pennelli destinati all'applicazione di polveri (ciprie, bronzer, blush, illuminanti, ombretti, pigmenti):
    Spruzzare il brush cleanser sulla carta assorbente alveolata o direttamente sul pennello. Successivamente strofinare il pennello fino ad asciugatura sulla carta, di modo che la texture della carta possa trattenere l'eccesso di prodotto e ripetere l'operazione fino a che il pennello stesso non lascerà più tracce di prodotto.

 

 

Quando il Brush Cleanser nasce per soddisfare le esigenze professionali non solo garantisce l'igiene profonda delle nostre attrezzature, ma anche - essendo completamente volatile - una rapida asciugatura.

Evaporando completamente è permesso un nuovo utilizzo dei pennelli in tempi ristretti garantendo, inoltre, non solo l'assoluto rispetto della pelle della cliente, ma anche quello  per le attrezzature più importanti e costose di ogni truccatore, che non restano danneggiate dall'utilizzo del solvente, evitando anche l'irrigidirsi nel tempo delle setole o il totale distacco all'attacco delle setole al manico.

 

 

Si consiglia l'uso esclusivo di Brush Cleanser professionali il cui potere igienizzante e disinfettante è garantito dalle aziende produttrici, che nascono per detergere e disinfettare specificatamente i pennelli per il Make Up e all'unico scopo di fornire al truccatore una valida garanzia di poter lavorare in assoluta sicurezza, a differenza di altri solventi comuni e non specifici, come ad esempio l'avio, o altri prodotti che non penetrano all'interno delle setole, non hanno alcun potere disinfettante e possono creare diversi danni alla pelle delle clienti.

 

Si consiglia di accertarsi della perfetta asciugatura del pennello qualora il cleanser venisse utilizzato tra una cliente e l'altra per detergere i pennelli.

 

Si consiglia di tenere chiusa la confezione e si consiglia di non utilizzare il cleanser che è stato travasato nel bicchierino oltre i 15 minuti passati dall'averlo versato nel contenitore, al fine di non disperdere parte delle proprietà volatili fondamentali per l'utilizzo integro del prodotto e delle sue funzioni.

 

Se dovesse capitare che qualche pennello rimanga lievemente tinto da prodotti particolarmente pigmentati come accade spesso con i pennelli a setole naturali bianche in capra, niente paura: il cleanser avrà comunque svolto la sua azione disinfettante e basterà lavare il pennello con un sapone specifico per farlo tornare al suo aspetto iniziale.

 

In alternativa, esistono pennelli realizzati con una fibra sintetica di alta qualità chiamata taklon [ scopri di più ], che imita perfettamente la forma e le proprietà delle setole naturali.
I pennelli per trucco in Taklon hanno una texture fine e flessibile e consentono un'applicazione molto igienica del trucco, poiché sono ipoallergenici e hanno proprietà antibatteriche.
La superficie piatta delle fibre di taklon impedisce l'accumulo di microbi. Sono facili da pulire e molto resistenti. Le setole mantengono una moderata quantità di prodotto e lo distribuiscono uniformemente sulla superficie desiderata, fornendo applicazioni ideali con finiture impeccabili. Si adattano a qualsiasi tipo di trama del prodotto.

 

In foto: Brush Cleanser solvente e disinfettante di Nastelle Professional Brushes.

 

 

2. Utilizzo esclusivo di spatola e tavolozza

 

 

Un'altra regola fondamentale è quella che afferma che nessun prodotto deve mai essere applicato direttamente sulle clienti.

 

La motivazione è molto semplice: il contatto avvalla la proliferazione batterica e il passaggio dei germi su pelli e mucose, innalzando irrimediabilmente il rischio di infettività e di danneggiare la pelle.

 

Se nelle polveri non c'è proliferazione batterica (solo quando integri, quindi: in caso non siano stati mai alterati i valori di igroscopicità del prodotto utilizzandoli bagnati - non in caso di wet n dry o polveri cotte - o siano oltre scadenza), nei prodotti grassi e cremosi si, ed utilizzare direttamente il prodotto sulla pelle o sulla mucosa delle clienti sottopone il prodotto stesso a degradamento.

 

Oltre ad avere un occhio di riguardo per la conservazione dei prodotti, ogni Make Up Artist non dovrebbe mai permettere il contatto diretto tra prodotto e pelle. Per evitarlo, bisogna attrezzarsi con spatola metallica e tavolozza, prelevare ogni prodotto grasso, liquido o cremoso con la spatola opportunamente igienizzata ad ogni prelievo e appoggiarlo sulla tavolozza, anch'essa adeguatamente igienizzata, per poi prelevarlo ed applicarlo solo ed esclusivamente con il pennello.

 

In foto: Set Spatola e Tavolozza di ILAV PRO.

 

 

3. Temperare le matite

 

É importante usare sempre nuove punte.

 

Un altro importantissimo accorgimento per evitare trasmissioni ed infezioni batteriche nella zona oculare, perioculare e sulla mucosa labiale è quello di temperare ogni matita prima di ogni utilizzo in modo da rimuovere i batteri creatisi e utilizzare sempre punte vergini.

 

In foto: Temperamatite per Pencil Technique di Cascade of Colours.

 

 

4. A tutto monouso

No ad applicazione diretta con l'applicatore di tinte labbra e gloss, nè all'utilizzo di Make Up Sponge che non si possono disinfettare.

 

 

È oggettivamente molto scomodo prelevare gloss e tinte labbra dal loro pack alla tavolozza, ma utilizzare direttamente l'applicatore del prodotto su ogni cliente è impensabile. Così come non è affatto igienico utilizzare Make Up Sponge e Beauty Blender che non si possono disinfettare adeguatamente su ogni cliente.

 

È consigliabile quindi armarsi di vari applicatori monouso: da quelli per l'applicazione del mascara, in silicone o setole, passando per le spugnette a triangolo per uniformare la base viso agli applicatori labbra tutti rigorosamente monouso.

 

L'idea di Marketing
Lasciare un mascara nuovo di pacca aperto per l'occasione, la tinta labbra o il gloss oppure una Make Up Sponge alla cliente è sempre un dono gradito, aiuta a creare un buon ricordo del servizio ricevuto e ad aumentare i feedback positivi.
 

 

In foto, da sinistra:

Make Up Wedges senza lattice di Nastelle Professional Brushes

Applicatori monouso per mascara in silicone

Applicatori labbra monouso

Mini Make Up Sponge senza lattice - tutto di ILAV PRO

 

 

5. Mai appoggiare prodotti ed attrezzature dove capita

 

Il truccatore è spesso sottoposto a lavorare in condizioni scomode e ristrette, ma un grandissimo errore è non essere muniti di asciugamano o telo d'appoggio e posare prodotti e pennelli dove capita, sul piano di lavoro a nostra disposizione, di cui non abbiamo idea di quale sia il livello di pulizia.

 

É compito del truccatore avere un occhio di riguardo anche su quest'aspetto ed armarsi di un comunissimo telo o asciugamano, possibilmente scuro, su cui poter posizionare in assoluta tranquillità tutta la nostra attrezzatura, senza lasciare nulla al caso e magari di qualche salviettina igienizzante per superfici.